lunedì 21 agosto 2017

Recensione - La musa della notte di Sara Simoni


La musa della notte
di Sara Simoni

Prima pubblicazione 2 maggio 2017. 
Libro in brossura disponibile su Amazon e Giunti al Punto (ISBN 978-1543235470), 9,35 €. E-book disponibile su Amazon e Giunti al Punto (ASIN: B06X1BT4JX), Kobo, InMondadori, LaFeltrinelli, Smashwords (ISBN 978-1370182411), 1,88 €. 

Sinossi.
L'attrazione tra una strega e un inquisitore può avere conseguenze fatali. 
In una Milano piena di incanto e di mistero, due fazioni sono impegnate in una lotta segreta da un tempo antichissimo: le streghe, donne dotate di terribili poteri magici, e i loro cacciatori naturali, gli inquisitori, uomini che di generazione in generazione si tramandano il compito di proteggere la popolazione dalla magia. Ma qualcosa comincia a cambiare quando nelle aule di un’università la strega Viviana e l’Inquisitore Arturo si incontrano come due normali studenti. L’attrazione è forte, ma né Viviana né Arturo possono dimenticare chi sono e da dove vengono. Un'avventura appassionante in cui la magia e l'amore si intrecciano con un fitto tessuto simbolico. 
“Ci vorrebbe tanta più forza di quella che noi abbiamo per non farci del male.” 

Recensione

Viviana vive a Milano in una famiglia di sole donne. Quella che all'apparenza la ragazza vive è una quotidianità tranquilla, come quella di tante altre, ma quello che in realtà nasconde è un segreto inconfessabile: Viviana infatti è una strega così come tutte le donne della sua famiglia con terribili quanto potenti poteri magici.
Contemporaneamente Arturo, giovane dall'animo inquieto, viene di una famiglia di Inquisitori che hanno il compito di proteggere la popolazione dalla magia delle streghe.

Arturo e Viviana si incontrano quasi per caso e tra loro nasce subito una forte intesa. I due giovani non sanno qual è il segreto che l'altro nasconde.

"Nella vita delle persone c'è molto che non si vede a un primo sguardo."
"Nessun segreto può cambiare quello che una persona è."
"Un segreto può cambiare tutto."

Nonostante i forte sentimenti né Viviana né Arturo possono dimenticare i valori con la quale sono cresciuti, mondi diversi e paralleli destinati a non incrociarsi mai se non per farsi del male, spinti da un odio puro e profondo.
La musa della notte è un viaggio attraverso due punti di vista, due mondi differenti per valori e caratteristiche che si rispecchiano nei personaggi che si incontrano durante tutta la storia.
Ogni personaggio possiede le proprie caratteristiche, magiche e non, che delineano quale sarà il suo compito, il pezzo di un puzzle incantato quanto temibile.
Le due fazioni, streghe ed inquisitori, condividono entrambe punti di forza e di debolezza, ognuna spinta verso il proprio destino, secondo ideali che si succedono da generazioni e che si perdono nelle nebbie della memoria.

Non è sempre di questo che si parla? Scelte, compromessi. Ogni cosa ha un costo e la magia non sfugge a questa legge. Tutte le streghe lo hanno sempre saputo e l'hanno tramandato alle proprie figlie come un segreto sussurrato prima della buonanotte. Per gli inquisitori non deve essere stato poi tanto diverso.

La storia è narrata da entrambi i personaggi, Viviana e Arturo, simbolo di un amore intenso quanto impossibile, irrealizzabile quanto desiderato.
Il libro inoltre è ambientato in Italia, a Milano per la precisione, il che lo rende anche più realistico seppur si tratta di un libro fantasy.

Attraverso una narrativa semplice quanto coinvolgente la storia di srotola fluida fino ad un finale aperto. Come gran parte dei libri fantasy infatti questo è soltanto il primo volume di una saga che non vedo l'ora di continuare.

Ringrazio l'autrice, Sara Simoni, per avermi portato a conoscenza del suo mondo in un viaggio attraverso avventure straordinarie, in cui apparenza e realtà spesso non coincidono, al fianco di creature magiche come le streghe e personaggi affascinanti come gli inquisitori, ognuno col proprio passato ed un nuovo futuro da riscrivere.

Votazione
4 su 5

Buona lettura!




L'autore.
Sara Simoni è nata in Trentino-Alto Adige nel 1992 e vive da sempre in Lombardia. Si è laureata con lode in Scienze dell’Antichità presso l’Università degli Studi di Milano e in Scienze e Tecniche della Comunicazione presso l’Università degli Studi dell’Insubria, dove adesso è iscritta al dottorato di ricerca in Medical Humanities. Dal 2010 al 2015 ha frequentato i corsi di scrittura creativa di Raul Montanari a Milano. Ha pubblicato il primo romanzo, “Angeli artificiali”, nel 2010 per i tipi di Macchione editore (Varese), mentre nel 2014 è uscito per Giunti editore l’ebook “L’innocenza del serpente”, entrambi di genere noir. Ha ottenuto diversi riconoscimenti letterari. Tra questi, nel 2011 e nel 2014 è stata tra i semifinalisti del Premio Campiello Giovani, nel 2014 ha vinto il Premio Chiara Giovani e nel 2015 e nel 2016 si è classificata terza al concorso di narrativa fantastica Pagine Folk. Alcuni suoi racconti si possono leggere in riviste e antologie: nel 2015 il suo racconto “Mal di stelle” è stato pubblicato sulla celebre rivista Linus, per Baldini&Castoldi. Benché si sia dedicata spesso ad altri generi, la letteratura fantasy è il suo primo amore. E, come si suol dire, il primo amore non si scorda mai. 

Contatti: 
E-mail: sara@storiescadute.it 
Sito web: www.storiescadute.it

2 commenti:

  1. Grazie infinite per le belle parole spese per il mio romanzo! :D

    RispondiElimina
  2. Mi fa piacere che questo libro ti sia piaciuto; la trama sembra molto interessante e la tua recensione mi fa venire ancora più voglia di leggerlo! ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...