mercoledì 18 gennaio 2017

Recensione - Stolen 2 di JD Hurt (Dark necessities Series #2)

 
Stolen 2
di JD Hurt

Dark Necessities Series, Self-publishing, 
25 Dicembre 2016, Dark romance
Pagg. 376, ebook 2,99€

Sinossi. Oggi so la verità. Oggi so che lei è innocente. Proprio come allora, come sei anni fa. Dovrei lasciarla al suo destino, desiderarne la felicità. Eppure il mio malanno è grande, pericoloso, un albero maestoso pronto a cibarsi di lei. Un'unica verità pulsa dentro l'anima: la riavrò. Non è una promessa, neppure una minaccia. E' la certezza della vita.
Sono libera. Ogni petalo di Slave si è disfatto al sole di West. Sono pronta, decisa a combattere, determinata a sconfiggere il passato. Lo giuro: mai più sarò una schiava. Non ci sarà un secondo tempo della mia cattività. Oggi comincia la vita vera. Oggi nasce Shiloh.
Lei non sa chi sono. Si fida di me. Farò tutto ciò che è in mio potere affinché non scopra mai i miei segreti. Terrò saldamente fra le mani l'amore che ho rubato.
Andrew, Shiloh, West. Quando l'amore diventa ossessione
 
Recensione
 
Era impossibile non scoprire cosa fosse successo a Shiloh nel seguito di Stolen, così quando l'autrice mi ha proposto la lettura del seguito, non ho potuto rifiutare, lo avrei letto comunque e per questo non posso che ringraziarla, anche e soprattutto per essere riuscita a creare una storia così intensa di sentimenti e di sensazioni.

Consiglio la lettura della recensione a chi ha già letto il primo libro della serie (trovate qui la recensione), per chi non l'avesse fatto dico solo che se amate il genere, dark romance, non potete farvi sfuggire la Dark Necessities Series, se invece non siete fan del genere...beh, provate comunque a dargli una possibilità perché anche io non avevo mai letto nulla eppure sono rimasta affascinata da questa storia ricca di sensazioni forti e di colpi di scena!
 
Il romanzo parte dalla fine del volume precedente: Shiloh ha deciso di portare il sole nella sua vita, ha scelto Wes, lo ha fatto per lei, perché ha potuto così ottenere la green card ma anche e soprattutto perché Wes è così lontano da quel suo passato, così diverso da Andrew.
Andrew è sconvolto, mentalmente ma anche fisicamente, le sostanze stupefacenti in circolo nel suo corpo si mescolano all'ossessione di arrivare alla droga più forte e più potente: Shiloh, la sua Shliloh, la piccola bambina messicana che non ha saputo difendere dai mostri che hanno deciso di adottarla.
Wes e Shiloh vogliono allontanarsi da tutto il dolore che hanno vissuto, dal marcio che ha contornato le loro vite perché, come sappiamo dalla fine del romanzo precedente, anche Wes ha i suoi scheletri nell'armadio che non tarderanno ad essere tirati fuori. We era l'unico personaggio che non era riuscito a convincermi al 100%, avevo intuito nascondesse qualcosa, ma in questo libro ha dimostrato di tenere veramente a Shiloh.
Stolen 2 è il libro della resa dei conti, inevitabile è infatti, ancora una volta, l'incontro tra Andrew e Shiloh, tra il passato ed futuro.
Ed è proprio quando tutte le carte saranno scoperte che la partita potrà iniziare, quella più importante per Shiloh, in gioco c'è il suo futuro.
Non sarà facile, dopotutto niente lo è stato nella sua vita, ma questa partita che diventa una vera e propria lotta contro le sue sensazioni, la porterà alla resa definitiva di Slave e ad una rinascita di Shiloh.
 
Anche in questo libro, il punto di vista si sposta tra Shiloh, Andrew e Wes, dando così al lettore una visione globale della storia, il centro intorno a cui ruotano tutte le vicende rimane comunque Shiloh.
Per la ragazza sarà un momento molto importante perché riuscirà finalmente a scoprire la verità sulle sue origini, una realtà difficile da digerire ma che porterà qualcuno nella sua vita che, finalmente, si occuperà di lei. Ma la tranquillità durerà poco! I colpi di scena di certo non mancano  e chi legge è costantemente portato ad incuriosirsi a quello che succede, alle verità che devono essere scoperte o a cogliere le conseguenze delle azioni dei vari personaggi.
 
E non ci dimentichiamo che stiamo sempre parlando di un dark! Le emozioni forti guidano la narrazione e arrivano alle scene violente e cruente, minori rispetto al primo libro. Ciò che cambia è inoltre la forma narrativa, si dà qui più importanza alla forma del dialogo, dando spazio così al confronto tra i personaggi. Accanto infatti ai protagonisti, troviamo gli antagonisti che in questo caso hanno una maggiore rilevanza mentre alcuni personaggi sono meno presenti rispetto al primo romanzo, come ad esempio Marcia. A questo proposito l'autrice stessa mi ha informato che la Dark Necessities Series continua con un volume dedicato proprio a lei! Trovo molto interessante l'idea di scoprire veramente chi è questa ragazza, leggere la sua verità!
 
E il finale? E' proprio nella conclusione del romanzo che  l'autrice dimostra di non avere paura delle sue scelte narrative, andando fino in fondo. Non c'è il lieto fine, allora?
Più che un finale lieto potremmo considerarlo un finale inevitabile e sicuramente coerente con l'intera storia, con le emozioni provate e vissute dai protagonisti. Shiloh si trova di nuovo faccia a faccia con il dolore, quello vero, quello che ha il potere di cambiarti, fino al punto di non ritorno ed è inevitabile chiedersi se Shiloh avrà trovato finalmente un po' di pace, ma sappiamo bene quale sia la risposta. Quando delle sensazioni sono ben radicate dentro di sè, è impossibile liberarsene.
 

 
 
 
 

2 commenti:

  1. Sono io che ringrazio te.... splendida recensione. Grazie davvero!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...