lunedì 25 luglio 2016

When they meet - L'amore non è mai una cosa semplice

Ciao lettori!!
Dopo un bel po' di tempo, torno con un nuovo appuntamento con la rubrica "When They Meet"


Molto spesso, leggendo libri o guardando film, capita che ci siano delle citazioni da o di libri, canzoni, film, e si crea così un intreccio di opere letterarie, musicali e cinematografie.
Ecco cosa succede "quando si incontrano" libri, musica e film.




Il libro che prendiamo in esame oggi è L'amore non è mai una cosa semplice di Anna Premoli, che ho letto e recensito poco tempo fa.
All'interno di questo romanzo ci sono molte citazioni soprattutto di film e musica, che giocano un ruolo molto importante nella conoscenza dei due protagonisti della storia.



"Do, or do not. There is no try", mormora con una strana voce referenziale.
"Scusami??? Cos'è, Shakespeare?"
Sebastiano scuote la testa e alza gli occhi al cielo "No, ignorante. Star Wars", mi risponde sprezzante.
 


La musica è quella di Profondo Rosso, inquietante e da brividi quanto basta. Lo confesso, è stato più forte di me: dopo quell'infelice scena con Giovanni, ho deciso di correre ai ripari, salvando il numero di Seb in rubrica e assegnandogli una suoneria ad hoc.

"Di chi è questa canzone?", gli chiedo nella speranza di forzarlo a sciogliersi. Almeno in parte. "Baustelle", mi risponde dopo un po'. "Ora, se possiamo tornare a concentrarci sullo schema dell'operazione...".



"Oddio! E questa? Non la sento da una vita", esclamo stupita, riconoscendo subito Quelli che benpensano di Frenkie hi-nrg mc. Anni Novanta pieni! Chi l'avrebbe detto?

"Ora mi vuoi far credere che non hai mai sentito i Depeche Mode..", commenta incredulo. "Sì, certo.  ma non credo di conoscere questa canzone". [...] "Never Let Me Down Again. Solo una delle cosucce più famose che abbiano mai prodotto", mi canzona.




Seb sbuffa mentre mi si avvicina, ma io non riesco a rimanere del tutto indifferente perché, con quell'espressione determinata, e quei capelli impossibili, pare un eroe romantico dell'Ottocento. Mia sorella direbbe che è perfetto per il ruolo di Heathcliff.

"Ti rendi conto che sono tutti film sdolcinati?", mi fa notare con crescente panico. "Non proprio tutti...", provo a mentire. "Questo, per esempio". E gli passo la scatola. "Come farsi lasciare in 10 giorni secondo te non è una commedia romantica?", domanda orripilato.



Cerco di rifletterci un attimo e parto con qualcosa di semplice. "Nessuno può metter Baby in un angolo", ripeto con voce profonda.  Seb mi osserva con un sorrisetto di derisione. "Dirty Dancing. Il prossimo...". "Hai visto Dirty Dancing?", domando oggettivamente colpita.



Se la musica è una forma di comunicazione, è evidente che Fear of the Dark degli Iron Maiden non sia il miglior benvenuto possibile.

E quando pensi che nulla possa rendere peggiore questo tragico momento, ecco che arriva la mazzata finale: nel mio orecchio risuona Gravity di Sara Bareilles.

 
 
Vi hanno un po' incuriosito queste citazioni?
Avete letto il libro? Cosa ne pensate?
 
 
 


2 commenti:

  1. Che bello rivivere il libro tramite queste citazioni! Appena ho letto "No, ignorante. Star Wars" sono scoppiata a ridere! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah è vero!! Grazie a musica e film Lavinia e Sebastiano creano dei siparietti molto divertenti!!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...