lunedì 20 giugno 2016

Doppia recensione - Dopo di te di Jojo Moyes

Ciao lettori!
Iniziamo la settimana con una doppia recensione per Dopo di te di Jojo Moyes. Se non avete letto Io prima di te, il libro precedente a questo, vi sconsigliamo la lettura di queste recensioni perché, inevitabilmente, rivelano la fine del primo libro, ma vi consigliamo caldamente di leggerlo! Potete trovare qui la recensione. 


__________________________________________

Dopo di te
(After you)
di Jojo Moyes
__________________________________________

Editore: Mondadori
Traduzione: Maria Carla Dallavalle
Data di pubblicazione: maggio 2016
Pagine: 378
Prezzo di copertina: 18 €


Come si fa ad andare avanti dopo aver perso chi si ama? Come si può ricostruire la propria vita, voltare pagina? Per Louisa Clark, detta Lou, come per tutti, ricominciare è molto difficile. Dopo la morte di Will Traynor, di cui si è perdutamente innamorata, si sente persa, svuotata. E' passato un anno e mezzo ormai, e Lou non è più quella di prima. I sei mesi intensi trascorsi con Will l'hanno completamente trasformata, ma ora è come se fosse tornata al punto di partenza e lei sente di dover dare una nuova svolta alla sua vita. A ventinove anni si ritrova quasi per caso a lavorare nello squallido bar di un aeroporto di Londra in cui guarda sconsolata il viavai di gente. Vive in un appartamento anonimo dove non le piace stare e recupera il rapporto con la sua famiglia senza avere delle reali prospettive. Soprattutto si domanda ogni giorno se mai riuscirà a superare il dolore che la soffoca. Ma tutto sta per cambiare. Quando una sera una persona sconosciuta si presenta sulla soglia di casa, Lou deve prendere in fretta una decisione. Se chiude la porta, la sua vita continuerà così com'è: semplice, ordinaria, rassegnata. Se la apre, rischierà tutto. Ma lei ha promesso a se stessa e a Will di vivere, e se vuole mantenere la promessa deve lasciar entrare ciò che è nuovo.
 
 
Recensione

Dopo di te rientra sicuramente, con pieno diritto, nei romanzi più attesi del 2016. Dopo il clamoroso successo dell'amore di Louisa e Will, chi non ha voluto sapere cosa ne è stato della vita di Lou? Ed eccoci accontentati. Parto con il dire che sono partita già prevenuta nei confronti di questo libro, prima ancora di averlo acquistato. Dopo una storia emozionante ed intensa come quella di Io prima di te, è difficile replicare con successo, senza ricadere nel banale e puramente commerciale. Dopo quelle emozioni così intense e coinvolgenti, cosa c'è da aggiungere?
Louisa è stremata, svuotata da una vita che le ha tolto tutto, perfino la forza di continuare a vivere. E' una donna alla ricerca di sé stessa, spesso lasciandosi ricadere in una sorta di limbo, dove tutto sembra circondato da una strana apatia. Ma Lou ha fatto una promessa a Will: deve vivere.
 

Per qualche tempo ti sentirai a disagio nel tuo nuovo mondo. Ci si sente sempre disorientati quando si viene sbalzati fuori dal proprio angolino rassicurante...
C'è fame in te, Clark. C'è audacia. L'hai soltanto sepolta, come fa gran parte della gente.
Vivi bene. Semplicemente, vivi."
Will
 

Ed è proprio grazie a questa promessa, con la speranza che Will possa essere ancora fiero di lei, che la donna decide di sfruttare tutte le occasioni che le si presentano nella sua vita, bussando alla porta della casa in cui vive e che non sente sua.
E proprio quando tutto sembra nero, buio, devastante ecco che nel cielo compare un timido arcobaleno che, giorno dopo giorno, le riempie la vita, colorandola di nuove emozioni e avventure.
Dopo di te è una storia di speranze ritrovate, affetti rinnovati, ricordi puri e amori sensazionali.
La scrittura della Moyes è sempre semplice e lineare, rendendo la lettura veloce e scorrevole.
Ma...perché c'è un ma: credo che nel voler sorprendere ancora una volta il lettore la Moyes abbia esagerato con situazioni al limite del surreale, rendendo Louisa una sorta di calamita umana di tutte le sfortune possibili ed immaginabili.

Nonostante questo però il romanzo mi è piaciuto: solo quando si tocca il fondo si riesce a risalire veramente, solo quando le ferite del cuore ci rendono più forti e tenaci, allora si può dire di avercela fatta.

 

 
 
 
Se recensire Io prima di te è stato difficile, scrivere questa recensione è ancora più complicato a causa delle emozioni che ha suscitato questa lettura. Se il libro precedente ha generato e, con l'uscita del film, continua a generare discussioni accese per quanto riguarda i temi trattati nel romanzo, questo suo seguito divide i lettori in due: era veramente necessario?
 
Dopo di te non era stato inizialmente preso in considerazione dalla Moyes che ha deciso di scrivere questo seguito soltanto dopo la richiesta da parte dei fan. Quindi, dopo l'enorme successo del primo libro, l'uscita di questo in concomitanza con quella del film è stata una buona trovata commerciale, su questo siamo tutti più o meno d'accordo.
Io credo che no, non era necessario. Io prima di te ha una sua fine ed un suo perché. Però faccio parte di quella schiera dei lettori che avrebbero voluto vedere Lou dopo Will.
Ho sentito dire che Io prima di te "parla di un ragazzo e una ragazza che si incontrano e cambiano dopo il loro incontrano", per me non è così. Quell'"io" prima di te è Lou, è lei a cambiare veramente dopo aver conosciuto Will. Quando Will incontra Lou ha già preso la sua decisione e anche dopo averla conosciuta, seppur sembrasse diverso da come ci viene presentato all'inizio della loro storia, rimane con la sua decisione, a differenza di Lou che subisce un vero e proprio cambiamento grazie all'incontro con Will.

Io prima di te mi ha lasciato dentro tante domande. Quel Vivi bene. Semplicemente vivi, il testamento che Will lascia a Lou, non è facile da attuare, non sarebbe stato facile per nessuno. Lou c'è riuscita? Si è lasciata dietro Will? Ha preso tutto quello che ha trascorso con lui, ne ha fatto tesoro ed è andata avanti? Con chi?
Sì, questo pensiero è del tutto personale ma la storia di questa ragazza riesce a toccare delle corde che difficilmente altre storie riescono a raggiungere. Ci si affeziona talmente tanto a lei da poterla quasi considerare un'amica.
 
In questo periodo, nella blogosfera e sugli altri social tra i tanti pareri ricorre la frase "Non c'entra niente con Io prima di te", io non sono totalmente d'accordo.
Emotivamente parlando si, il primo è molto più coinvolgente, dopotutto la storia è molto più forte, ma Dopo di te non è un libro a se stante, Will è indirettamente presente in tutto il romanzo.
Vediamo una Lou diversa, la ricordiamo colorata, spensierata, adesso invece è spenta, scura, ha perso il suo sorriso e nonostante sia passato un po' di tempo dalla perdita di Will, è come se tutto quello che le succede le scivolasse addosso. Qualcosa di diverso c'è: ha un nuovo lavoro, lavora al bar di un aeroporto e vive da sola.
Fino a che qualcosa di terribile le accade. Ancora?! Sì, a quanto pare le cose brutte non la lasciano ancora in pace. Ma questo evento darà il là a tutta una serie di situazioni, fino alla decisiva svolta.
Dire di più sulla trama sarebbe rivelare parti importanti della storia, vi basti pensare che la persona che si presenta alla soglia di casa sua, a cui accenna la sinossi, appare poche pagine dopo l'inizio. Tanto che ci si chiede ma che cosa accade dopo? Ecco, di cose ne accadono, eccome!
E se devo ragionare razionalmente, sono d'accordo con Debora nell'affermare che forse la Moyes si è lasciata prendere un po' troppo la mano. La stessa persona misteriosa, mette anche un po' in dubbio tutto ciò che accade nel primo e dei fatti che accadono a Lou in prima persona sono esagerati, forse poco credibili.
Per quanto riguarda i personaggi, ritroviamo in Dopo di te, tutti quelli del primo libro: la famiglia di Lou che vive un momento particolare dato che i genitori sono alle prese con una crisi matrimoniale, la sorella con la quale tenta di ricucire i rapporti tra alti e bassi, i signori Traynor profondamente cambiati dopo l'accaduto e anche Nathan avrà una parte minore ma essenziale. Accanto a loro tanti nuovi personaggi: il capo del lavoro di Lou, molto particolare, le persone del gruppo di sostegno a cui Lou decide, forzatamente, di partecipare e alcune persone clou all'interno della storia. Per scoprire chi sono, leggete il libro! :P
 
La scrittura di Jojo Moyes si riconferma vincente, è sicuramente il suo punto di forza. Il romanzo scorre velocemente, forse addirittura troppo! L'ironia si intreccia alla malinconia e i momenti divertenti a quelli più bui, senza risultare mai banale. Insomma in fin dei conti si parla di un'elaborazione di un lutto, ci si aspetta tristezza e disperazione ma il tocco della Moyes riesce a rendere queste sensazioni per niente pesanti.
 
 
 
Solo per chi ha già letto Dopo di te: (Spoiler, spoiler ovunque...)
Io amo Sam! E forse questo ha influenzato il giudizio su questo libro. Sapevo che Lou avrebbe trovato qualcun altro, insomma...era scontato! E proprio per questo avevo il timore di chi si sarebbe trovato al suo fianco. Sarebbe stato all'altezza di Will? O meglio della storia con Will? O meglio ancora sarebbe stato all'altezza di Lou? Da questo punto di vista non posso che essere felice per la nostra protagonista perché con Sam è stata molto fortunata...io mi sono innamorata!!
Su Lily il mio pensiero è un po' controverso perché all'inizio ho pensato "ma cavolo, prima no?!", era l'unica che avrebbe potuto salvare Will, il condizionale è però d'obbligo! Poi però lei è l'elemento chiave su cui ruota tutto il libro, quindi se non ci fosse stata anche tante situazioni sarebbero venute a mancare...insomma come ho accennato prima, lei rientra un po' nelle esagerazioni di questo libro. Lou che cade dalla terrazza e riesce a salvarsi, così come la sparatoria e Sam che riesce a salvarsi...più che esagerati risultano poco credibili, ecco! Il finale lasciato un po' aperto però fa tornare tutti coi piedi per terra, ancora una volta perché ci saremmo aspettati che Lou e Sam iniziassero finalmente a vivere la loro storia insieme, e così infondo è. Ma ce la faranno a superare la distanza? Magari la Moyes ce lo farà scoprire in un terzo libro.
Ok, ok..scherzavo!! xD 
 
 
 



L'autrice. 
Jojo Moyes è nata e cresciuta a Londra. Ha lavorato come giornalista per dieci anni all'"Independent" prima di dedicarsi a tempo pieno alla scrittura. Attualmente è una delle scrittrici più affermate e i suoi romanzi sono sempre in testa alle classifiche e riscuotono un grande successo di critica e di pubblico. Io prima di te (Mondadori, 2013) ha venduto nel mondo più di 5 milioni di copie, è tradotto in 40 paesi ed è ora un film in uscita. Mondadori ha pubblicato anche Luna di miele a Parigi e La ragazza che hai lasciato nel 2014, Un weekend da sogno e Una più Uno nel 2015.
L'autrice vive nell'Essex con marito e tre figli.


2 commenti:

  1. per i vostri stessi motivi ho timore a leggerlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonostante tutto è un bel libro, diciamo...leggilo con le pinze, ecco xD

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...