giovedì 5 novembre 2015

When they meet #5 Una scintilla nell'oscurità di Emanuela Riva

Ciao a tutti, amici lettori!
Dopo un po' di tempo, torno con un nuovo appuntamento della rubrica When they meet.


Molto spesso, leggendo libri o guardando film, capita che ci siano delle citazioni da libri, dalle canzoni, da film, e si crea così un intreccio di opere letterarie, musicali e cinematografie.
Ecco cosa succede "quando si incontrano" libri, musica e film.





Oggi vi parlerò di un romanzo che ho letto da poco: Una scintilla nell'oscurità di Emanuela Riva, che l'autrice ci ha gentilmente inviato. Trovate qui la mia recensione.




- Nell'attesa mi ero seduta al tavolo ordinando un Irish Coffee e avevo tirato fuori dalla borsa Orgoglio e Pregiudizio, il mio libro preferito. Mia madre me lo aveva regalato per il mio dodicesimo compleanno e le pagine erano ingiallite dal tempo.


- <<Orgoglio e Pregiudizio. Bello, l'ho letto, però è una lettura impegnativa per un centro commerciale>>.
<<Si, lettura impegnativa, quindi la prego gentilmente di non disturbare>> dissi innervosita ma rimasi con lo sguardo concentrato sulle pagine.
<<Che caratterino! volevo solamente fare un po' di conversazione. E' forse quel periodo del mese?>> Rise.
<< Ma come si permette!>> Alzai lo sguardo e il mio cuore prese a battere all'impazzata. Un angelo con la pelle diafana e un fisico stile Thor era sceso sulla terra e mi guardava con un mezzo sorriso sulle labbra. I suoi occhi di ghiaccio mi catturarono. Erano così ipnotici e profondi da farmi perdere i sensi. Distolsi brevemente lo sguardo dal suo, imbarazzata.
<<Si, va bé, un uomo che ha letto Orgoglio e Pregiudizio mi è nuova.>> dissi sarcastica.
<<Ah, non mi credi?>> Disse offeso e si schiarì la gola <<Invano ho lottato, non è servito. I miei sentimenti non possono essere repressi. Dovete permettermi di dirvi con quanto ardore vi ammiro e vi amo>>.

  ______________________________________________________________


Di fronte a me, nell'altro tavolino , un ragazzino stava sfidando il suo amico a riconoscere la colonna sonora dei film. Era talmente bravo che le indovinò tutte. Poi fece ripartire per la settima volta la musica sul cellulare e la riconobbi: era la colonna sonora del Signore degli Anelli.




_______________________________________________



L'aveva trovata veramente una super biondona sexy. Giurai che se si fosse presentata ancora una volta così l'avrei stritolata con le mie stesse mani. Ma chi si credeva di essere, Pamela Anderson in Baywatch?




                            _________________________________________________________



Decisi allora di scegliere un film. E mentre sceglievo quale potesse andarmi bene vidi in un angolo la copertina del Conte di Montecristo. Mi si velarono gli occhi.
<<Ti ricordi di tuo padre, Haydèè?>>
"Lui è qui e qui" disse lei mettendo la mano sugli occhi e sul cuore.
"E io dove sono?" domandò Montecristo.
<<Tu?>> chiese lei. "Tu sei dappertutto."
<<Anche tu sei dappertutto, vero papà?>>
<<Si bambina mia, io sono dappertutto. E anche qui.>> disse sorridendo. Mi appoggiò una mano sul cuore, mi diede un bacio sulla fronte e subito dopo mi fece il solletico.
Avevo poco più di sei anni. Una storia come quella del Conte di Montecristo non era proprio adatta a una bambina, ma io ero incuriosita da quel racconto.




  _____________________________________________________




Miriam si passò il dorso della mano sulle guance <<Avevo preparato già la tavola con un sacco di sushi, vari stuzzichini e il film Quattro amiche e un paio di jeans. Erano già le sette passate e vedevo che non arrivavi, così ti ho chiamata. Mi ha risposto Jason dicendomi che lui e Vincenzo ti avevo portata in ospedale. Ed eccomi qui.>> 




_____________________________________________________




Lavai i piatti e mi misi sul divano a leggere un libro. Scelsi di leggere Nel segno della
pecora, scritto da Murakami Haruki. Erano poche pagine e pensai che sarei riuscita benissimo a finirlo entro un paio d'ore. Divorai il libro, lo rimisi a posto e mi fiondai al lago, eccitata.



   ____________________________________________________




Il cellulare iniziò a suonare Carry On Wayward dei Kansas a tutto volume. Sbarrai gli occhi e lo afferrai al volo dal comodino prima che potesse cadere a terra.


_______________________________________________


Appena misi piede fuori, l'aria gelida mi investì come un treno ad alta velocità e incominciai a tremare come una foglia. Tirai fuori dalla borsetta il copri spalle nero a maniche lunghe. In quel preciso momento avrei tanto voluto tirare fuori un cappotto con tanto di sciarpa, cappello e scarpe da ginnastica, proprio come faceva Mary Poppins...Ma ahimè, non avevo una borsa Poppins.

____________________________________________




Mentre lavavo i piatti, mi schiarii la voce. <<Alex, ti va di guardare un film prima di andare a letto?>> Era l'unica cosa che mi veniva in mente.
<<Ok, ma niente horror>> disse guardando assente la televisione.
Mi si strinse il cuore a vederla così.
Bastardo. Una vocina nella mia testa mi diceva che Daniele le aveva fatto qualcosa di brutto e io mi sentivo inerme.
Alla fine scelsi di vedere I love shopping, perlomeno era easy e divertente.



________________________________________




Mi guardò con la coda dell'occhio per ritornare subito concentrato nella guida e vidi che le mani stringevano di poco il volante. Accese la radio. Era già inserito il cd di Nek e mise su la mia canzone preferita, Il nostro giorno in più.


_____________________________________________

<<Hanno messo Brown Sugar dei Rolling Stones. Andiamo a ballare?>> urlò estasiata.
<< Andate pure, io non mi sento molto bene. Magari al prossimo giro.>>


___________________________________________




Finito di cenare, Alex se ne andò a casa lasciandomi da sola con i miei non ricordi. Mi buttai sul divano accendendo la tv. Su Rete Quattro stavano trasmettendo Via col vento, uno dei miei tanti film preferiti.




_____________________________________________________



La sua casa era stupenda. Era tutta arredata con mobili antichi e sulla parete centrale era appeso un quadro di Hieronymus Bosch.
<<Il Giardino delle Delizie>> sussurrai avvicinandomi al quadro, incantata.
<<Sei piena di sorprese. Poche ragazze della tua età sanno apprezzare l'arte. Ti piace?>>
<<E' bellissimo>>
<<Vero...Gli occhi ti brillano>>.


_________________________________________________________

Mi misi il pigiama e inserii il dvd che mi aveva prestato Miriam. Le avevo chiesto di darmi un film che parlava di vampiri, però non volevo assolutamente che fosse romantico e quindi mi aveva dato Intervista col vampiro, tratto dall'omonimo romanzo di Anne Rice.

Ovviamente ho scelto solo alcune delle citazioni presenti nel romanzo.
Ringrazio ancora una volta l'autrice che ha scelto di inviarcelo.
Buona lettura!











1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...