giovedì 2 luglio 2015

Recensione Le ali della vita di Vanessa Diffenbaugh

Titolo: Le ali della vita
Titolo originale dell’opera: We Never Asked for Wings
Autrice: Vanessa Diffenbaugh
Traduzione: Alba Mantovani
Editore: Garzanti Libri
Pagine: 334
Data di pubblicazione: 4 maggio 2015
Ebook: 9,99€
Prezzo di copertina: 15,81€

Le ali della vita è la storia di Letty e della sua famiglia, presente e futura. La donna, a causa di tutti gli errori e gli sbagli del passato, cerca di fuggire nella sua terra nativa, il Messico. Ma Letty non è sola, ad attenderla a casa ci sono infatti i suoi figli: Alex, quindicenne  con la passione della matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli, e la piccola Luna. Alex cerca di affrontare come meglio può questo periodo di allontanamento della madre, prendendosi cura della casa e di Luna, sperando nel ritorno di sua madre. Letty capirà che non importa quanto una persona cerchi di volare lontano, ci sarà sempre un modo per tornare a casa.


Recensione.
Dopo aver letto il primo celebre romanzo “Il linguaggio segreto dei fiori” di Vanessa Diffenbaugh ed averlo apprezzato molto, ho deciso di intraprendere la lettura di questo secondo romanzo, con la speranza di confermare i miei giudizi positivi su questa autrice.
Le ali della vita è un romanzo sull’amore: l’amore tra uomo e donna, l’amore per la propria famiglia, per i propri figli, per le proprie ambizioni. E’ una storia che racconta le paure, le insicurezze, i  dubbi di tutti noi. Letty, una giovane donna che crede di non riuscire ad essere una buona madre per i suoi due figli, cerca di scappare dai propri impegni familiari, cercando una vita di fuga nella sua vita passata rappresentata dal Messico, terra nativa dei suoi genitori. Letty, un’eterna bambina, senza la voglia di assumersi  le proprie responsabilità, si ritrova a dover crescere quando i suoi genitori, Enrique e Maria Elena, dopo essersi presi cura per quindici anni dei loro due nipoti, decidono di tornare a vivere in Messico.

“Gli uccelli migratori si riorientano al tramonto. La ragione esatta è sconosciuta, ma al crepuscolo, quando il sole scende dietro la linea dell’orizzonte, gli uccelli che stanno volando nella direzione sbagliata correggono la loro rotta all’improvviso. Pensando a questo, Alex trovava un senso nel fatto che il nonno, in quel preciso momento della sua vita, si fosse guardato intorno e avesse modificato la sua direzione."

Il romanzo si può dividere in più parti: la prima parte descrive le incertezze e le insicurezze che Letty vive ogni giorno; nella seconda invece la donna riconosce i propri errori e cerca di rimediare a tutti gli sbagli della sua vita; la terza parte invece è quella del riscatto, della vittoria, dell’amore.
Mi è piaciuto moltissimo il modo in cui l’autrice descrive le emozioni e i sensi di colpa che attanagliano Letty; pagina dopo pagina il lettore si immedesima nel suo stato d’animo: tutti ci siamo sentiti inadeguati, insicuri e siamo scappati dalle nostre responsabilità pur di non sbagliare.
Ma proprio nel momento in cui si ha la sensazione che Letty si sia lasciata andare, è qui che la donna ritrova la speranza e il coraggio in sé stessa, grazie soprattutto all’amore per i suoi figli.

“Alex e Luna erano in cucina. In piedi su uno sgabello, Alex prendeva i piatti per la cena dallo scaffale più alto, dove Maria Elena insisteva che venissero tenuti; Luna contava le posate sulla tavola. Letty riempì una caraffa d’acqua e mise un bicchiere a ciascun posto, com’era sua compito quando era a casa per cena, poi tutti si sedettero per mangiare insieme. Ci fu un lungo momento imbarazzato. Alex e Luna erano seduti a tavola come uccellini affamati, in attesa di essere nutriti, e tutto d’un tratto Letty capì. Aspettavano che fosse lei a nutrirli. Saltò in piedi come una molla. “D’accordo”, pensò, “è il mio momento.”

Alex e Luna infatti svolgono un ruolo fondamentale nella vita della giovane donna: sono la sua ancora di salvezza, la certezza che non tutto quello che ha fatto nella sua vita è stato un errore.
I personaggi sono descritti in maniera esemplare: sono i vicini della porta accanto, quelli che scrutiamo con diffidenza ma a cui ci affezioniamo subito appena impariamo a conoscere. I continui problemi quotidiani che i personaggi si trovano ad affrontare rafforzano il legame con il lettore.
Le situazioni in cui Letty ed i suoi figli si ritrovano sono spesso surreali ma non per questo si perde il contatto con la realtà.
Le vicende sono raccontate sia dal punto di vista di Letty e da quello di Alex, rendendo la narrazione fluente e mai banale.
Ne Le ali della vita vengono affrontati anche temi molto importanti, come quello dell’immigrazione e della gravidanza in giovane età. E’ certamente un romanzo intenso, senza momenti di pausa, in ogni pagina ci sono sorprese e colpi di scena, che tengono sempre alta l’attenzione del lettore.
Un bel romanzo, consigliato a chi cerca una lettura profonda e delicata.

Voi lo avete letto? Cosa ne pensate?
Buona lettura!

 


L’autrice.
Vanessa Diffenbaugh è l’autrice del bestseller Il linguaggio segreto dei fiori, tradotto in più di 40 lingue. Vanessa e il marito PK hanno quattro figli e vivono a Monterey, California.






 




 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...