venerdì 26 giugno 2015

Recensione Quella vita che ci manca di Valentina D'Urbano

Titolo: Quella vita che ci manca
Autore: Valentina D’Urbano
Data di pubblicazione: 2 ottobre 2014
Edizione: Longanesi
Pagine: 365
Ebook: 8,99 €
Prezzo di copertina: 12,67 €

Gennaio 1991. Valentino è l’ultimo dei quattro fratelli Smeraldo, tutti con padri diversi. Anna, Alan, Vadim e Valentino abitano alla Fortezza, un quartiere dove prevale il degrado e l’unica cosa per cui vale la pena vivere è la famiglia. C’è Anna, trentenne che alla vita non chiede altro che la felicità dei propri fratelli; c’è Vadim, dodicenne che vive nel corpo di un bel  ventenne; c’è Alan, con il suo carattere irascibile cerca di mantenere unita la sua famiglia in ogni modo; e infine c’è Valentino, che attraverso l’amore che prova per Delia, cerca di sfuggire dalla realtà da cui proviene.




Recensione.
Quella vita che ci manca non è il primo romanzo di Valentina D’Urbano che leggo. Dopo aver letto qualche tempo fa Il rumore dei tuoi passi ho deciso di intraprendere la letture degli altri suoi due romanzi. Ed ho deciso di iniziare proprio da Quella vita che ci manca.
Il romanzo è ambientato nel 1991, in una casa di periferia nel quartiere malfamato chiamato Fortezza, in cui la violenza e il degrado la fanno da padrone, così come nel suo primo romanzo.
E’ una storia di vita familiare un po’ particolare. I quattro fratelli Smeraldo infatti hanno tutti la stessa Mamma ma i padri sono diversi.
Nonostante tutte le aspettative, l’aria che si respira in casa Smeraldo è quella di vero amore fraterno. I quattro fratelli sono legati in maniera indissolubile tra di loro e cercano di aiutarsi nei frequenti momenti di difficoltà a cui la vita li sottopone.
I personaggi, ed in particolar modo Alan e Valentino, sono legati al mondo della criminalità. Mondo di cui si sentono succubi e che non riescono ad abbandonare. I due però hanno caratteri ben distinti e differenti: Alan è forte, aggressivo, si nasconde dietro alla sua “aria da duro” per non mostrare le sue debolezze alla famiglia. In Valentino invece prevale la voglia di cambiamento. Nonostante si impegni con tutto sé stesso, non riesce a scrollarsi di dosso la sensazione che non riuscirà mai a cambiare. Ma non è così. In lui infatti si ha già una sensazione di positività, che si accentua notevolmente con l’incontro con Delia.
Valentino non si innamora di Delia al primo sguardo, o così crede lui. Sarà Delia la chiave che aprirà tutte le porte di Valentino, mettendolo di fronte alle sue paure ed insicurezze.


“Valentino non avrebbe mai voluto lasciarla lì. La sua donna respirava piano, i capelli scomposti sul cuscino, il torace che si dilatava al ritmo del respiro. Lei era la sua casa adesso, la cosa più bella che avesse mai avuto, e gli dormiva tra le braccia, e quella cosa senza nome gli esplodeva nel petto, gli scioglieva i tessuti, diventava la pulsazione placida del sangue nelle vene, e tanto lei dormiva, lei il suo cuore che batteva non poteva sentirlo.”


L’ambientazione della periferia e l’aggressività dei personaggi si amalgamano in maniera perfetta, rendendo il romanzo realistico e mai noioso.
E’ l’amore però il tema che prevale: l’amore tra un uomo e una donna, l’amore che ti sconvolge e la sofferenza che ne consegue, l’amore senza pregiudizi, ma soprattutto l’amore fraterno.


“Risero. Risate sfiatate, doloranti. Sdraiati vicini sul cemento, gocciolavano sangue e fluidi. E adesso ridere insieme faceva più male che gonfiarsi di botte. Faceva più male perché significava che erano fratelli. Che qualunque cosa fosse successa, loro nel bene e nel male erano legati. Nel bene e nel male sarebbero rimasti insieme.”

I quattro fratelli hanno un legame così forte anche “grazie” alla malattia di Vadim. Vadim è un ventenne con un corpo perfetto, ma con i pensieri e gli atteggiamenti di un dodicenne. Vadim ha bisogno di essere seguito costantemente, fuori e dentro casa. I suoi fratelli, in particolar modo Anna, lo proteggono e lo riempiono di attenzioni, spesso dimenticando sé stessi.
I temi affrontati sono forti, incisivi e la narrazione segue a pieno queste caratteristiche.
In linea generale ho apprezzato davvero molto questo romanzo dal finale inaspettato. Però mi sarei aspettata qualcosa in più, qualcosa che si allontanasse un po’ da quello che è il suo primo romanzo.
Per concludere…lo consiglio? Si! Quello che ci manca è il libro adatto per chi cerca una lettura appassionante ed impegnativa.
Leggerò sicuramente al più presto anche il terzo romanzo della D’Urbano “Aquanera”.


Voi lo avete letto? Cosa ne pensate?

Buona lettura!




L’autrice.
Valentina D’Urbano ha ottenuto importanti riconoscimenti. E’ pubblicata in Francia e in Germania. Premi vinti con Il rumore dei tuoi passi: Romanzo vincitore del torneo Io Scrittore Prima Edizione Premio città di Penne opera prima Finalista Premio Kihlgren Finalista Premio Zocca Giovani Premio città di Cuneo - sezione scuole Per Longanesi Valentina D'Urbano ha pubblicato Il rumore dei tuoi passi e Acquanera
.














Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...