mercoledì 13 maggio 2015

Scandal 4x21 - A Few Good Women

E anche per Scandal stiamo per giungere alla fine. Questo 21° episodio, è il penultimo della stagione che non sarà l'ultima. La serie tv è infatti stata rinnovata per una quinta stagione!


Jake è in via di guarigione, dopo essere stato ferito gravemente da Russell, adesso si sta riprendendo a casa di Olivia. Sullo stesso pianerottolo, nell'appartamento di fronte a quello di Olivia, Huck e Quinn continuano a fare quello che sanno fare meglio: torturare le persone, in questo caso proprio Russell. Il loro scopo è quello di scoprire dallo stesso agente B613, il significato del piano Foxtail.
Devono cercare di localizzare Commando, aspettano con ansia una sua chiamata, hanno bisogno di soli 12 secondi per poter sapere dove sia. E questa chiamata arriva, sono indecisi, devono rispondere per cercare di sapere, ma Olivia non c'è e verrebbero subito scoperti. Allo stesso tempo anche se non rispondono gli accadrebbe la stessa cosa. Decidono di rispondere e di non parlare. Ma 11,54 secondi sono troppo pochi! Hanno fallito, sono stati scoperti.

Il caso di quest'episodio vede protagonista una ragazza, che fa parte della Marina militare. Durante una visita, che potrebbe essere definita di cortesia, Susan Ross, vice presidente degli Stati Uniti, nota degli strani segni sul polso. Con una banale scusa, riesce a rimanere da sola con la ragazza e a confermare la sua teoria: la ragazza è stata stuprata.
Evitando protocolli, regole e leggi Susan la porta direttamente alla Casa Bianca, scatenando l'ira di Cyrus e di Fitz. Io adoro questa donna!
A Susan non rimane che fare un'ultima cosa: chiedere aiuto a Olivia.
Accetta subito il caso e interroga subito l'opinione pubblica, chiedendo se sia giusto che questa situazione venga risolta, come è giusto che sia, cioè in un tribunale civile. Riesce ad ottenere quello che ha richiesto e alla ragazza viene affidato un giovane ed inesperto avvocato: Virgil Plunkett...praticamente un incapace. L'ammiraglio della nave è indicato come la persona dello stupro, ma dichiara di trovarsi sulla nave al momento dell'aggressione. Olivia vuole andare fino in fondo e controllare con i suoi occhi i registri della Marina ma, come prevedibile, non gli viene permesso, è considerata un nemico della Marina. Olivia vive quasi in prima linea questo caso. Infatti viene a sapere dalla ragazza stessa, che è incinta, ma vuole disfarsi al più presto di questa "creatura" che sta crescendo dentro, frutto di un brutale atto di violenza. Olivia allora cerca un modo per farla scendere dalla nave ed organizzarle un appuntamento per l'aborto, ma non si limita a ciò, la accompagna e nel momento in cui la sua cliente ha più bisogno, lei c'è, è con lei e le stringe la mano.
A questo punto Olivia deve fare il possibile per cercare di aiutarla e se lei non può arrivare a quei registri, c'è solo una persona che ha il potere di farlo: Fitz! Chiama il presidente degli Stati Uniti, tra i due c'è di nuovo un dialogo legato prevalentemente ai loro lavori, all'aspetto negativo delle attività
che svolgono: Fitz non si è voluto occupare del caso, ha preferito rispettare la legge. Ma il gelo tra i due continua ancora.

Quando Olivia quasi non ci sperava più, ecco che grazie ad Abby quei registri arrivano finalmente nelle mani di Olivia che in quattro e quattr'otto riesce a risolvere il caso.

Perché Fitz ha cambiato idea? Dopo un discorso con Mellie, capisce che deve fare di tutto per aiutarla e le dice che se serve deve buttarlo nella fossa dei leoni. La corsa alla carica di senatrice per Mellie è tutt'altro che in discesa. I suoi consensi sono ancora inferiori rispetto all'avversario. Elizabeth le dice che se vuole davvero superarlo deve recarsi a Springfield, luogo in cui avrebbe una grande possibilità di aumentare il suo pubblico, ma lo stesso luogo in cui è morto suo figlio. Il desiderio di Mellie di candidarsi viene messo in dubbio quando Elizabeth le propone un
discorso che sfrutterebbe la morte di suo figlio. Mellie non ci sta. Fitz dimostra ancora la sua vicinanza alla moglie e si propone di andare con lei, ma la donna rifiuta, dice che ci andrà da sola. Allora Fitz ripensando alla telefonata con Olivia, ha l'idea che aiuterà sua moglie.
Mellie si presenta a Springfield, da sola, e fa suo punto di forza la decisione di Fitz di non occuparsi del caso della donna stuprata, e prende le distanze da questa posizione, dicendo che lei si batterà affinché la legge venga cambiata.

 
Quinn si accorge che qualcosa non va, in una stanza della Marina, proprio mentre con Olivia salutavano la loro cliente, in una vetrina con diverse fotografie di militari, il volto dell'avvocato Virgil Plunkett non corrisponde al Virgil che avevano visto loro.
Ovviamente è una trappola, il vero Virgil è stato ucciso e quello falso fa parte del B613. Dopo essere capitato per caso a casa di Olivia con la sua cliente, sa benissimo dove cercare Russell. Lo trova subito, immobilizza Huck e lo porta via.

Nel finale veniamo a conoscenza anche del piano Foxtail.
Mellie, dopo il discorso, viene introdotta da Elizabeth ad un uomo che definisce un donatore importante, molto ricco. Signore e signori, quest'uomo è nientepopodimeno che....

 
Che cos'ha di nuovo in mente papà Pope? Perché ha voluto incontrare Mellie?
Qual è il suo piano?
 
Come afferma Jake, che incontra da solo Russell, Olivia non si libererà mai di suo padre. Ogni volta che sua figlia abbasserà la guardia ecco che lui sarà pronto ad entrare in scena, inviando uno dei suoi uomini, addestrati per incuriosire, sedurre, conquistare e soprattutto tenere sotto controllo sua figlia.
 
Giovedì l'ultimo episodio.
Cosa succederà?


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...