lunedì 25 maggio 2015

Dimmi che credi al destino di Luca Bianchini ! Recensione





Dimmi che credi al destino
di Luca Bianchini

Mondadori, 2015
 pagg. 262
Ebook 9,99€ Cartaceo 14,45€
Ornella, dopo un brutto periodo della sua vita a causa della droga, si trasferisce a Londra dove apre l’Italian Book Shop. Grazie a Mr George, un anziano signore che incontra tutti i giorni sulla “loro” panchina del parco e a cui confida le sue disavventure, Ornella riesce ad aprirsi e a confessare la presenza nella sua vita di un uomo che non ha mai dimenticato. Ma per Ornella i guai non finiscono: la libreria che dirige infatti rischia di chiudere poiché i guadagni non sono quelli sperati: riuscirà l’intervento dell’amica Patti e di Diego, ragioniere napoletano che fa il barbiere part-time, a risollevare le sorti della libreria? Il destino però la porterà anche in Italia per chiudere il cerchio del passato ed incamminarsi verso il futuro con Mr Bernard.


Recensione


Ho deciso di intraprendere questa lettura poiché ho letto quasi tutti i libri di Bianchini e non mi volevo far sfuggire proprio l’ultimo. In più questo romanzo è stato pubblicizzato veramente molto e in ogni dove: in tv, alla radio e addirittura su instagram!
Devo dire però che il romanzo non ha rispettato le mie aspettative.
La storia è piacevole, da lettrice incallita l’ambientazione della libreria mi piace moltissimo! La trama però non rispecchia molto i miei gusti: i personaggi sono un po’ banali e monotoni, i loro pensieri e le azioni sono quasi prevedibili, il finale è scontato.
Ornella, dopo i problemi di droga che ha affrontato in gioventù, ha trovato il suo riscatto nell’Italian Book Shop che dirige a tempo pieno. La storia nasconde un particolare importante che emerge però solo a metà libro: Ornella è sposata e suo marito si trova in Italia in fin di vita a causa della droga. Il tema della dipendenza da droghe è affrontato nel giusto modo anche se non ho apprezzato come viene descritto il rapporto così distaccato tra Ornella e suo marito.
Uno dei personaggi che ho apprezzato di più invece è Mr George, un anziano signore che le tiene compagnia nei vari momenti della giornata. Per Ornella è quasi un confidente ed è grazie ai suoi consigli che la storia prende vita.

"Un giorno però, quando la vide spuntare, Mr George le fece cenno di accomodarsi accanto a lui. Ornella accettò perché non aveva avuto il tempismo di dire “no, grazie”, un po’ come quando ti aspettano per prendere l’ascensore. Per settimane erano rimasti seduti uno accanto all’altra, leggendo o guardando l’orizzonte, facendosi un cenno di saluto all’inizio e alla fine. Ma quel rapporto presto era cambiato perché Ornella aveva due grandi amore: i libri e gli esseri umani. E non poteva non innamorarsi di un vecchietto che aveva fatto la guerra, aveva studiato a Perugia e leggeva Calvino.

Interessante anche come viene sviluppato il rapporto di amicizia tra Ornella e la Patti, le due amiche si aiutano nei momenti di difficoltà, sostenedosi a vicenda, senza mai essere però troppo invadenti e lasciando all’altra la possibilità di vivere la propria vita senza imporsi.

"Ornella mise giù con la consapevolezza di avere un’amica davvero fuori dal comune, e non l’avrebbe cambiata di una virgola."

L’amore è l’altro tema che ricorre in tutto il romanzo: l’amore passato prima, con la figura di Axel, e l’amore futuro poi, con la presenza di Mr Bernard.
Alla storia di Ornella si intrecciano storie dei personaggi minori come quella di Diego, un giovane ragioniere italiano che fa il barbiere part-time nel negozio affianco a quello di Ornella. E’ tormentato da problemi amorosi poiché ha una relazione con un uomo sposato che non vuole dichiarare la sua omosessualità.
Molto apprezzate sono state anche le numerose citazioni letterarie, musicali e cinematografiche.
Lo consiglio? Ni. Se vi avvicinate a Bianchini per la prima volta, non consiglio di farlo con questo libro,  ne avete la possibilità vi consiglio di scegliere un altro libro di Bianchini, come ad esempio "Io che amo solo te".

Voi lo avete letto? Che ne pensate?
Buona lettura!


                                                  L’autore.

Luca Bianchini è nato a Torino l’11 febbraio 1970 e crede nel destino. Per Mondadori ha pubblicato i romanzi Instant Love (2013), Ti seguo ogni notte (2004), Se domani farà bel tempo (2007) e Siamo solo amici (2010). Nel 2005 ha scritto la biografia di Eros Ramazzotti Eros – Lo giuro. Nel 2013 ha pubblicato con grande successo le storie pugliesi di Io che amo solo te e La cena di Natale. Io che amo solo te sarà presto un film. Ha condotto per anni “Colazione da Tiffany” su Radio 2 e collabora con “La Repubblica”, “Vanity Fair”, per cui tiene il blog “Pop up”.





Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...