lunedì 11 maggio 2015

Grey's Anatomy 11x23 - Time stops

Un altro bell'episodio di Grey's Anatomy è andato in onda giovedì 7 maggio negli Stati Uniti, il penultimo di questa undicesima stagione. Tante le questioni lasciate aperte da questa puntata, si prospetta un season finale molto incerto. Ma andiamo con ordine.

 
L'idea che si ha dell'episodio, è quella di un nuovo inizio. Vediamo infatti l'arrivo dei nuovi specializzandi, quindi tutti possibili personaggi della prossima stagione. Già qualcuno è stato messo
in mostra di più, primo fra tutti il dr. DeLuca, interpretato dall'italiano Giacomo Gianniotti. Il quale ha modo di..farsi riconoscere! Li vediamo gironzolare per l'ospedale, al seguito della Edwards, che ricorda un po', con le sue maniere quasi da dittatrice, Miranda Bailey delle prime stagioni. E' strano vedere quante "generazioni", se così
si possono definire, di specializzandi si siano formate durante il corso delle stagioni.

A proposito di Miranda...Owen decide di lasciare il posto da capo e si respira l'aria di una nuova elezione. Miranda nutre la speranza, in segreto, di essere la degna sostituta di Owen, soprattutto dopo che Webber le rivela che il suo nome sarà la sua proposta. E io tifo per lei!! Dopo un paio di stagioni in cui non l'abbiamo vista per molto tempo, il ruolo di capo spetta finalmente a lei!


Jackson e April sembrano non avere pace. L'esperienza vissuta da April nell'esercito sembra averla cambiata. Owen consiglia a Jackson di darle tempo, tutti inevitabilmente, dopo un'esperienza del genere rimangono colpiti, l'unica cura è il tempo. Lo sguardo di Jackson fa percepire che non sia così sicuro che basti solo del tempo, la sua paura è che purtroppo siano andati oltre e che siano ormai su due lunghezze d'onda differenti.

L'esperienza di April è motivo di discussione anche per un'altra coppia. Jo, infatti, colpita positivamente dall'esperienza che la amica/collega ha vissuto, ha l'idea di avventurarsi anche lei e così, quasi scherzando, propone ad Alex di partire insieme e di affrontare una simile esperienza insieme. Per tutta risposta Alex le dice che se è quello che vuole, non sarà di certo lui a fermarla, ma lui non se la sente perché sembra aver trovato finalmente il suo posto nel mondo. Seattle, l'ospedale, i
suoi amici e Jo, tutto l'insieme che sta vivendo adesso lo fanno sentire finalmente a casa.  Jo riuscirà a capire le intenzioni di Alex? Oppure dobbiamo aspettarci anche una partenza di Jo?
In più secondo alcuni rumors, potrebbe esserci del tenero tra Meredith e Alex, dato l'avvicinamento che c'è stato tra i due in queste ultime puntate. Meredith si trova da sola e chiede aiuto all'amico. Non riesce a vedere la casa in cui vive come la sua casa, quindi chiede ad Alex di potersi trasferire da lui con i bambini. Potrebbe esserci davvero un'evoluzione nel loro rapporto?
Io spero proprio di no, sarebbe davvero troppo strano!

Catherine e Webber, la storia infinita. Nell'ultimo episodio li abbiamo visti finalmente decisi a sposarsi. Ma la tragedia (l'ennesima) che si abbatte sull'ospedale impedisce ai due di convolare a nozze. Capiscono la gravità della situazione e di comune accordo decidono di rimandare. Ma una nuova discussione non tarda ad arrivare: sono infatti di pareri opposti sulla risoluzione di un caso. Ovviamente c'è altro: la scelta del nuovo capo mette di nuovo in scena lo spettro del solito triangolo: Webber-Catherine-l'ospedale. Questo matrimonio è veramente la cosa più giusta da fare?

Il caso dell'episodio riguarda appunto una nuova tragedia.
Il crollo di una galleria provoca parecchi morti, i quali arrivano nelle ambulanze che diventano quasi dei carri funebri.
Tra i casi dei "vivi" che arrivano all'ospedale, ci sono un ragazzo diciannovenne ed una donna in travaglio. Il ragazzo arriva in condizioni pessime. Owen decide di provare il tutto e per tutto e applicare una nuova tecnica testata solo sui maiali e quindi mai provata sull'uomo. Per fortuna, perché a quanto pare è solo grazie a quella, tutto procede per il meglio e il tutto sembra aver funzionato.

La donna arrivata in travaglio, ha una frattura al collo che, se non mantenuta sotto controllo, potrebbe causarle la paralisi. Il rischio si fa più probabile quando, due matricole, si trovano con la donna che accusa problemi respiratori. I due, pensando di darle sollievo, slacciano il collarino e subito la donna non ha più la sensibilità dal collo in giù. Peggior inizio non ci poteva essere per queste nuove matricole. Questo crea dei problemi alla nascita del bambino e, mentre Callie e Arizona, tentano di far nascere il bambino (in ascensore!!) fortunatamente alla donna torna la sensibilità. La storia della donna è molto particolare. E' rimasta incinta la sera del primo appuntamento con il compagno, quindi si conoscono appena da 9 mesi, ma il loro legame è già molto forte.
L'uomo è rimasto incastrato nella sua macchina, schiacciato dal cemento della galleria, ma è ancora vivo. Viene inviata una piccola squadra dall'ospedale sul luogo della tragedia. Il team è formato da Meredith, April, Maggie e Amelia. Tentano il tutto e per tutto ma la situazione è veramente critica, se l'uomo si trovasse più vicino rispetto all'ospedale si potrebbe salvare, ma il trasporto dal luogo dell'incidente, sarebbe fatale per lui. Capiscono che non c'è più niente da fare e si arrendono. April rimane con lui, mentre le altre 3 decidono di tornare in ospedale ed essere d'aiuto lì.

Durante il viaggio di ritorno, si ritrovano a discutere se abbiano fatto davvero tutto il possibile. Meredith ne è sicura, erano tutte presenti e insieme hanno visto che non c'erano soluzioni. Si riesce a riconoscere quando ci sono delle possibilità e quando invece bisogna lasciar perdere. Amelia ha però uno sfogo. E dice a Meredith come fa ad essere così sicura che per una persona non ci siano più possibilità.
Ovviamente non si riferisce esclusivamente all'uomo intrappolato, c'è molto di più. E appena le si offre la possibilità affronta l'argomento. Amelia ce l'ha con Meredith perché ha deciso di spegnere le macchine che tenevano in vita Derek senza contattare nessuno della sua famiglia. E' molto dispiaciuta ed arrabbiata perché, essendo un eccellente neurochirurgo che rende possibile anche l'impossibile (ricordiamo il tumore al cervello della dottoressa Herman), avrebbe potuto provare a salvarlo, a fare qualcosa per lui ma per colpa sua, non ha avuto la possibilità nemmeno di salutarlo.
Rimasta sola Meredith crolla, la vediamo urlare e lanciare via tutto, poi respirarsi, calmarsi e uscire come se niente fosse successo. Ad un anno dalla morta di Derek, il suo ricordo è ancora più vivo che mai.
Personalmente credo che la ragione sia nel mezzo, i sentimenti di Amelia sono più che comprensibili, al di là delle possibilità che aveva per fare qualcosa di concreto per Derek, poteva almeno dirgli addio, anche se lui non era cosciente, Meredith glielo doveva. D'altra parte, anche la scelta di Meredith non è stata facile, e decidere di affrontare tutto questo da sola ha richiesto un bel po' di coraggio. Riusciranno a capirsi?

E arriviamo al finale che io definirei epico!
Abbiamo lasciato April dall'uomo incastrato nella propria auto. Il problema principale era che se si fosse trovato vicino all'ospedale avrebbe avuto qualche possibilità di salvarsi. Non potendo estrarlo dalla macchina sul luogo dell'incidente, April ha una brillantissima idea!
Ed eccola che la vediamo arrivare con la macchina sopra all'ambulanza!!

 
 
E con questo è tutto. Attendo con curiosità il finale di stagione. La morte di Derek ha dato il via ad un nuovo inizio, a due episodi dalla fine. Proprio questa puntata poteva benissimo rappresentare il primo episodio della prossima stagione, dato che hanno voluto iniziare proprio dall'entrata in scena dei nuovi specializzandi. Tante le questioni irrisolte, tantissime le domande che non hanno avuto risposte. Cosa dobbiamo aspettarci nel prossimo episodio? 



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...