martedì 28 aprile 2015

Teaser Tuesdays #2 - Le sette sorelle

Buon Martedì! Oggi Teaser Tuesdays, la rubrica che prevede la pubblicazione di un estratto da libro in lettura.


  • Prendi il libro che stai leggendo in una pagina a caso
  • Condividi un breve estratto da quella pagina
  • Attenzione a non fare spoiler!
  • Riporta anche il titolo e l'autore del libro così che i lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall'estratto




Il libro che sto leggendo è "Le sette sorelle" di Lucinda Riley. Mi sta piacendo molto anche se, devo essere sincera, mi aspettavo un pochino di più.



"Siamo arrivati" Heitor scese immediatamente dalla macchina, con gli occhi che brillavano per l'entusiasmo. Mentre attraversavano il giardino, dal retro della casa sbucò un uomo con barba, baffi e una folta chioma di capelli grigi e incolti; indossava un camice sporco di argilla. I due uomini si strinsero la mano e si misero subito a discutere. Bel si teneva a una certa distanza per paura di disturbarli e solo alcuni minuti dopo Heitor sembrò ricordarsi della sua presenza. "Izabela," disse "ti porgo le mie scuse. E' difficile non emozionarsi quando si ha il piacere di incontrare qualcuno di persona dopo una lunga corrispondenza. Posso presentarti il professor Paul Landowki? Professore: la senhorita Izabela Bonifacio." Landowski le baciò la mano. "Enchanté." Lo scultore osservò la sua mano e ne tracciò il contorno con i polpastrelli. "Mademoiselle, avete le dita più belle che io abbia mai visto. Non è vero, signor da Silva Costa?""Temo di non averci mai fatto caso prima" rispose Heitor. "Ma adesso che me lo fate notare, penso che abbia ragione." "Ora, al lavoro, monsieur" disse Landowki, lasciando andare la mano di Bel. "Andiamo nel mio atelier a discutere la vostra visione del Cristo in modo più dettagliato." 
Bel seguì i due uomini attraverso il giardino, notando che gli alberi non si erano ancora risvegliati: le prime foglioline verdi erano già spuntate, ma ancora nessun fiore. In Brasile, i colori vivaci delle piante autoctone rallegravano il paesaggio tutto l'anno. Landowski li condusse in fondo al giardino, in una struttura simile a un fienile, chiusa su quattro lati da una vetrata per far entrare più luce possibile. In un angolo dell'atelier c'era un ragazzo chino sopra un banco di lavoro; stava manipolando un busto di creta. Quando entrarono non alzò nemmeno gli occhi da quanto era concentrato nella sua attività.


Qual è il vostro "teaser"? Lasciate un commento oppure linkate il vostro post.


2 commenti:

  1. Copertina molto accattivante e il teaser mi incuriosisce, soprattutto perchè voglio sapere di quale atelier si tratta e perché i personaggi si trovano lì. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ancora finire di leggerlo, ma se ti piacciono le belle storie d'amore, te lo consiglio!!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...