martedì 7 aprile 2015

Scandal 4x18 - Honor Thy Father

Buonasera a tutti!
Dopo la breve pausa di Pasqua, si torna alla carica con i post. Vorrei iniziare con un post dedicato a Scandal. Giovedì è andato in onda negli Stati Uniti, il diciottesimo episodio intitolato "Honor thy father".

L'episodio è stato molto interessante. Ci hanno fatto credere per tutto il tempo delle cose che sono state ribaltate alla fine. Appena terminato di vedere, tutto quello che riuscivo a pensare era...wow. Ripensandoci adesso a mente fredda, posso dire che l'effetto sorpresa non è del tutto convincente. Ma Penso sia stato un episodio di passaggio, sicuramente, dato che stiamo andando verso la fine della stagione, i prossimi episodi saranno più avvincenti.
Dal promo della puntata, avevamo intuito che il protagonista sarebbe stato Jake. Così è stato.

David Rosen continua la sua lotta contro il B613. Dopo l'immunità processuale per Huck, ottiene anche quella per Quinn e Charlie, ma il big fish è Jake, averlo dalla sua parte significherebbe molto nella guerra contro Rowan. Jake però non reagisce bene, aggredisce David e gli dice di non aver bisogno di protezione. Ma Rosen non si fa intimidire.
Ottiene la fiducia anche di Max Butler, Margot Ross e Simon, ex agenti dell'organizzazione segreta.


Vuole cercare di incastrare Jake per ottenere il suo appoggio. Ma Jake, grazie a dei registratori nascosti riesce ad ascoltare tutti i loro discorsi. I tre agenti vengono portati in un appartamento segreto, che in poco tempo viene scoperto e gli agenti barbaramente uccisi.
Charlie sorprende Jake nell'appartamento, ma riesce a scappare.
Huck riconosce in Jake la "modalità sopravvivenza", durante la quale non riesci a pensare razionalmente e uccidere è estremamente facile. Deve essere fermato.
Il tutto alle spalle di Olivia.
Cercano di localizzarlo, e alla fine lo trovano, il segnale è chiaro: Jake è a casa di Olivia. Huck e Quinn si precipitano da lei, ma Jake è in realtà nascosto nell'appartamento di fronte. Li avverte: nel caso in cui il tentativo di fermarlo non andasse a buon fine, Olivia ne pagherà le conseguenze.
Sono spacciati, hanno perso contro Jake e il B613.

Intanto Olivia se la spassa con Russell, ve lo ricordate? Il ragazzo conosciuto in un bar. Ma vengono interrotti da una chiamata di lavoro.
Il deputato Nicholas Reed chiede aiuto ad Olivia. Suo padre, George è stato condannato alla pena di morte per aver ucciso Dan Hoffman, il professore di matematica di sua figlia, Jamie, morta suicida a 15 anni dopo che il suo professore le avrebbe spezzato il cuore. Nonostante la dichiarazione di colpevolezza di suo padre, Nicholas è convinto della sua innocenza. Olivia e i suoi gladiatori iniziano le ricerche e non hanno difficoltà a raccogliere altre testimonianze di ragazzine che hanno avuto delle relazioni con Hoffman. Questo porta ad avere molte più persone a voler il professore morto: padri arrabbiati, oppure madri, oppure, come suggerisce lo stesso Nicholas, mogli. Le indagini si concentrano infatti sull'ex moglie. Nella sua casa viene trovata una pistola, ma Lisa, questo il nome della donna, è recentemente morta a causa di un cancro.
Gli esami sull'arma fanno giungere Olivia a una conclusione: le condizioni ambientali del posto in cui è stata ritrovata, avrebbero dovuto mostrare dei segni, in realtà l'arma è stata ben custodita, per poi essere nascosta lì, per farla trovare.
Per questo motivo Geoge Reed è innocente, il vero colpevole è Nicholas! Il padre, per tutto questo tempo, ha voluto coprire il figlio, per continuare a fargli vivere la vita che meritava. Olivia però gli fa cambiare idea, e che, così facendo gli fa solo del male, Nicholas è solo, pensa solo al lavoro, questo perché non riesce più a convivere con il peso che si porta dietro per tutto questo tempo.

Tra le quattro mura della Casa Bianca, Mellie vive una piccola tragedia.
Per una candidata alla presidenza degli Stati Uniti, la reputazione di ogni persona della propria famiglia è fondamentale. La pecora nera per Mellie è la sorella, anzi sorellastra, Harmony. Tra le due non c'è simpatia e, secondo Elizabeth, ogni giornalista impiegherebbe poco tempo a tirare fuori tutta la rabbia che c'è in Harmony, così le consiglia di invitarla nella Casa bianca per cercare di dimostrare il suo affetto.
L'esuberanza di Harmony irrompe nella casa più famosa d'America. Mellie cerca con tutta se stessa di tenere a freno la sua pazienza, ma durante una cena con Fitz, sbotta all'improvviso e insulta la sorella.
Quando tutto sembra essere irrimediabile, ecco che entra in gioco Fitz, dimostrando tutto il suo supporto alla moglie. Cerca di far ragionare Harmony, dicendo che in realtà Mellie è gelosa di lei. Quando suo padre è scappato per stare con la madre di Harmony, si è creato un vuoto dentro di lei che l'ha fatta soffrire molto. Fitz tocca le giuste corde. La pace sembra essere tornata tra loro.
Torneremo a sentir parlare di lei?

Ma torniamo a Jake. David Rosen è cocciuto!
Non ci sta, non riesce a darsi per vinto.
Telefona a Huck, c'è ancora un altro testimone: David stesso!
E' David infatti che ha visto Jake uccidere Vanessa Chandler, Shelby Moss e James Novak!
Il tutto arriva alle orecchie di Jake che non tarda ad entrare in azione.
David Rosen esce dall'ufficio con Holly, la sua segretaria. I due si trovano nel parcheggio, Jake scende dalla macchina con una pistola che punta dritta verso....Holly!
E' lei che ha ucciso gli agenti! E' lei che fa parte del B613!
Jake non è impazzito, Jake è dalla parte dei buoni! Ha sempre cercato di proteggere David e gli altri.
E lo ha fatto con Olivia. Liv era infatti al corrente di tutto, così quando Huck decide di dirle tutto, si becca una bella ramanzina!
Jake avverte David: "siamo in guerra, he's coming..."
E non tarda ad arrivare.

Olivia si trova a casa sua, suona la porta, apre... Russel con....papà Pope!



Rowan non vuole la felicità della figlia, questo è chiaro. Ogni volta che sente profumo d'amore in casa di Olvia, eccotelo che arriva! Adesso che è tornato ne vedremo delle belle...o almeno speriamo!
Giovedì 16 aprile il prossimo episodio.
I nostri Olitz sono in pericolo, dobbiamo rinunciare per sempre a loro?



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...